martedì 22 agosto 2017

Cosa vedere e cosa fare a Budapest

Stai partendo per Budapest e ci starai pochi giorni? Ecco qui i miei 5 veloci consigli che puoi utilizzare come spunto per organizzare la tua visita nella capitale ungherese!


BUDAPEST (credit: www.salutida.com)

1) Partecipa al Free Walking Tour di Budapest 

Cosa sono i Free Walking Tour?
Sono dei tour gratuiti organizzati da associazioni del posto che vi portano in giro (a piedi) dalle 2 alle 3 ore (dipende dalla città) per il centro. Le guide sono solitamente del posto, molto alla mano e preparate.
Con questi tour avrete modo di "entrare in confidenza" con la città, gli spazi e i posti da visitare (eventualmente da poi appronfodire in un secondo momento rispetto alle vostre preferenze). Super utilissimo per ottimizzare i tempi (e quindi ancora più indicato se starete solo 2 giorni nella capitale ungherese)
A fine tour vi verrà richiesta una mancia del tutto volontaria (se non volete lasciare niente siete liberi di farlo, ma vi consiglio di premiare la buona volontà di queste associazioni).
La parte, a mio parere, più interessante di queste iniziative è che puoi interagire con le guide del posto che possono farti scoprire luoghi a cui da solo non avevi pensato, o indirizzarti verso un ristorante meno turistico ma di qualità dove assaporare le specialità del posto (come mi è capitato in questo viaggio). Insomma, l'interazione umana non ha prezzo!

Nel caso di questo tour, c'è la possibilità di partecipare anche a quello in lingua spagnola (per chi non avesse dimestichezza con l'inglese e trovasse più confortevole una lingua più simile all'italiano).

Oltre al tour "basic" (che è quello che io vi consiglio) a Budapest è possibile fare anche i tour più specifici nel quartiere ebraico o quello che ripercorre gli anni del comunismo. 
Non mi dilungo oltre e vi lascio al link del loro sito ufficiale ed alla pagina di recensioni su tripadvisor.

2) Vai alle terme 

Se vai a Budapest non puoi non andare alle terme! La maggior parte delle piscine sono ad acqua calda, ma essendo perlopiù coperte, potrete andarci anche d'estate (io sono stata ad Agosto). Sicuramente, nei mesi autunnali le terme calde hanno un sapore diverso.
Le più famose sono i bagni Széchenyi, alle quali non sono andata perchè caldamente sconsigliata dalla guida (vedi punto 1 di questo post ). Nel mese di agosto, complice anche lo Sziget, Budapest è piena di gente, e quindi andare nelle terme più sponsorizzate in qualunque guida turistica (e online) significava andare in mezzo alla ressa di gente (concetto del tutto opposto al relax che un bagno termale dovrebbe regalare).

Sono andata alle Gellért, altrettanto famose, in stile liberty ma meno affollate delle Szécheny e alle Velj Bei che ho adorato ma, andiamo per ordine.

Le Gellért costano quanto le Szécheny (circa 17 euro), hanno due piscine 
esterne e numerose interne, sia calde che fredde. La particolarità sta nella 
struttura, in stile Art Noveau.
Chiude alle 20 di sera e col biglietto pagato si può stare quanto si vuole. E' 
aperta ad entrambi i  sessi contemporaneante (aspetto da non dare per scontato,
a Budapest ci sono terme che consentono l'entrata solo a un sesso a seconda 
dei giorni).

Le Velj Bei (o Császár Bath) sono meno famose e un pochino fuori il centro "standard" e ci sono state consigliate dalla nostra guida (vedi sempre il punto 1 di questo post). Sono le terme turche più grandi ed antiche di Budapest. Iniziamo col prezzo: economico (9 euro per tre ore); inoltre è possibile prenotare dei massaggi da 15-30-60 minuti a prezzi più che ragionevoli. E' rilassante (essendo meno famose delle precedenti terme e limitando il tempo di permanenza, è possibile godersi un relax estremo). All'interno, oltre alle piscine di acqua calda, ci sono numerose saune, una Jacuzzi e il percorso Kneipp. Insomma, se cercate una SPA rilassante ed economica, eccola qua. Per raggiungerla, dal centro è agevole, basta prendere un autobus (è inutile spiegarvi come ho fatto io, ragionate sulla posizione del vostro hotel e chiedete a Google Maps :) )

3) Sali fino alla Statua della Libertà per un panorama mozzafiato 
La statua della libertà non è solo a New York ma anche a Budapest. Si chiama Szabadsàg-szobor ed è situata in alto in alto sulla collina Géllert...esatto, Géllert, come il nome delle terme (vedi punto 2). Infatti, dalle terme vi è un sentiero (tutto in salita, quindi tanta pazienza, fiato e scarpe comode) che vi porterà sotto la statua. Io ho preferito andare prima alle terme e poi uscire per godermi il tramonto dal punto strategico. In alternativa, se vi accontentate della visione diurna, potreste prima salire sulla collina e, al ritorno, fermarvi a rilassarvi alle terme ;)
Il monumento è imponente, ma ciò che veramente vale la sfacchinata è il panorama che si gode. Stupendo il Danubio al tramonto che divide Buda e Pest. 


4) Night Life a Pest 
La vita notturna a Pest offre veramente tante alternative. Ristoranti di cucine eterogenee e locali per bere una birra di ogni tipo...da quello alla moda, allo stile hipster al più famoso Szimpla Kert che nel weekend si riempie di gente (anche troppo). Vi consiglio di farci un salto perchè la particolarità del locale merita, ma se volete prendere una birra con più tranquillità vi consiglio uno dei tanti pub dislocati nella zona. Non ricordo il nome del posto, ma ho gradito moltissimo la possibilità di bere una birra in tranquillità sdraiata su un'amaca in mezzo a un locale all'aperto XD 


5) Usa i mezzi pubblici 
I mezzi pubblici a Budapest mi hanno stupita! Puntuali, efficienti e sempre presenti. Anche quando la metro chiude, si ha sempre la certezza di trovare un autobus che ti riporta in hotel. 
Le distanze non sono infinite, ma sono abbastanza vaste da stancarvi, sopratutto se avete poco tempo e tanta voglia di vedere la città. I biglietti costano circa 1.20 euro e c'è la possibilità di fare anche l'abbonamento da 76 ore (cosa che ho fatto io) a circa 14 euro. Comodossimo, potevo prendere qualunque mezzo in qualunque momento, anche per tornare fino all'aeroporto col comodissimo bus 200E. Se volete risparmiare qualcosa, potete comprare i carnet di biglietti... io per non avere "l'ansia" di comprare i biglietti o di contare le volte che prendevo un mezzo pubblico, ho voluto fare l'abbonamento e togliermi il pensiero per tutto il resto della permanenza. Ad esempio, a circa 2.1KM dal mio albergo (posizionato al centro della vita mondana di Pest), c'era la Piazza degli Eroi (Hősök tere), che ho raggiunto comodamente in meno di 10 minuti di metro senza farmi una scarpinata fin lì. 



Mi raccomando: fate i biglietti!  A Budapest controllano molto spesso che si viaggi regolarmente, quindi non fate i furbi e contribuite all'ottimo servizio offerto da questa città!

Nessun commento:

Posta un commento