mercoledì 14 marzo 2018

Weekend low-cost a Norimberga (ma visita Bamberga)

Se sei sempre alla ricerca di un weekend low cost, Norimberga è una di quelle destinazioni che vengono proposte continuamente da Ryan Air a prezzi stracciati.


Un post condiviso da {Sara} (@arasara84) in data:

Nel mio caso il prezzo del biglietto aereo è stato infatto di 30 euro (andata e ritorno compresi) e con orari di viaggio comodi (nessuna nottata passata in aeroporto per intenderci).

In generale, viaggiare è sempre bello ma, in questo caso, Norimberga mi ha lasciato un pò di amaro in bocca; ho recuperato però la delusione con la visita a Bamberga, cittadina a meno di un'ora di distanza di treno da Norimberga e che vale tutto il viaggio.

Ma andiamo subito al sodo ed ecco qui i miei 5 consigli per un viaggio low cost in baviera tra Norimberga & Bamberga!


1) NON andare a Norimberga di domenica!
Se stai pianificando un weekend low cost a Norimberga non fare il mio errore e riparti di domenica e non di lunedì'.  Passare la domenica a Norimberga è una perdita di tempo perchè è una città morta: qualunque negozio (persino le grandi catene come H&M) è chiuso ed i ristoranti aperti sono pochissimi. Per rendere l'idea, di domenica mattina alle 11 le uniche persone in giro per la città eravamo:
  • io
  • le mie tre amiche,
  • le altre dieci persone partecipanti al Free Walk Tour del giorno.

2) Occhio ai trasporti ed alla posizione dell'hotel
A Norimberga abbiamo trovato dei mezzi pubblici costosi e non così frequenti. Un duro colpo abituata all'efficienza tedesca (o comunque di molte città del nord europa). Cerca perciò un hotel quanto più centrale possibile per evitare gli spostamenti con i mezzi pubblici. Il taxi non è una soluzione low cost, sia per i prezzi che per il traffico (che purtroppo, non sembra essere così raro).

3) Norimberga by night
Norimberga è molto bella da vedere la sera (bellissimo l'effetto notturno della Schöner Brunnen) mentre, di giorno, perde un pò del suo fascino. Per questo motivo, pianifica un giro notturno (magari dopocena visto che le cucine chiudono prestissimo).

4) Visita Bamberg 

Deluse dalla Norimberga domenicale siamo scappate a Bamberg(a). Arrivare è facilissimo, basta prendere uno dei frequenti treni che partono dalla stazione centrale di Norimberga. Il costo è di 20 euro A/R e ci vogliono circa 50 minuti di comodo viaggio in treno. Attenzione, ci sono treni che ci mettono di più (e costano uguale) oppure treni che costano di più e ci mettono 30 minuti; se sei in modalità low cost, evita i secondi e preferisci quelli da 50 minuti che hanno il miglior rapporto qualità/prezzo.
A Bamberga c'era molta più gente in giro che a Norimberga ma, anche in questo caso, molti dei negozi erano chiusi (ci hanno spiegato che è usanza in Baviera - lo prendo per vero visto che non sono ancora stata a Monaco). 
Ad ogni modo la cittadina è deliziosa, molto belli gli scorci e le strade che in alcuni tratti ricordava un pochino Bruges. 
In caso, valuta di pernottare direttamente a Bamberg piuttosto che a Norimberga visto che è anche molto più economica di quest'ultima.


5) Bevi la birra Schlenkerla a Bamberga
Nel pieno centro di Bamberga c'è uno storico pub (proprio sotto la cattedrale) che produce una birra affumicata chiamata Schlenkerla da provare assolutamente (anche se non ami la birra, fidati, la adorerai).
La birra ha un odore e un sapore unico (che non voglio spoilerare) e, udite udite, viene prodotta secondo l'editto della purezza del 1516. 
Attenzione: se vuoi un tavolo privato potresti non essere accontentata, infatti è facile che uniscano tavoli ad altri tavoli e cenare insieme ad altri commensali (modo di fare che a me sinceramente non dà fastidio). Insomma, se cerchi un posticino romantico per cenare in 2 non è il posto adatto ma, se ami il mondo dei pub, non puoi perderti questo gioiello.
Per ulteriori info sulla birra clicca qui  e, se comunque sei un'amante della birra e non vuoi aspettare di andare a Bamberga è possibile acquistarla online sul loro shop

martedì 22 agosto 2017

Cosa vedere e cosa fare a Budapest

Stai partendo per Budapest e ci starai pochi giorni? Ecco qui i miei 5 veloci consigli che puoi utilizzare come spunto per organizzare la tua visita nella capitale ungherese!


BUDAPEST (credit: www.salutida.com)

1) Partecipa al Free Walking Tour di Budapest 

Cosa sono i Free Walking Tour?
Sono dei tour gratuiti organizzati da associazioni del posto che vi portano in giro (a piedi) dalle 2 alle 3 ore (dipende dalla città) per il centro. Le guide sono solitamente del posto, molto alla mano e preparate.
Con questi tour avrete modo di "entrare in confidenza" con la città, gli spazi e i posti da visitare (eventualmente da poi appronfodire in un secondo momento rispetto alle vostre preferenze). Super utilissimo per ottimizzare i tempi (e quindi ancora più indicato se starete solo 2 giorni nella capitale ungherese)
A fine tour vi verrà richiesta una mancia del tutto volontaria (se non volete lasciare niente siete liberi di farlo, ma vi consiglio di premiare la buona volontà di queste associazioni).
La parte, a mio parere, più interessante di queste iniziative è che puoi interagire con le guide del posto che possono farti scoprire luoghi a cui da solo non avevi pensato, o indirizzarti verso un ristorante meno turistico ma di qualità dove assaporare le specialità del posto (come mi è capitato in questo viaggio). Insomma, l'interazione umana non ha prezzo!

Nel caso di questo tour, c'è la possibilità di partecipare anche a quello in lingua spagnola (per chi non avesse dimestichezza con l'inglese e trovasse più confortevole una lingua più simile all'italiano).

Oltre al tour "basic" (che è quello che io vi consiglio) a Budapest è possibile fare anche i tour più specifici nel quartiere ebraico o quello che ripercorre gli anni del comunismo. 
Non mi dilungo oltre e vi lascio al link del loro sito ufficiale ed alla pagina di recensioni su tripadvisor.

2) Vai alle terme 

Se vai a Budapest non puoi non andare alle terme! La maggior parte delle piscine sono ad acqua calda, ma essendo perlopiù coperte, potrete andarci anche d'estate (io sono stata ad Agosto). Sicuramente, nei mesi autunnali le terme calde hanno un sapore diverso.
Le più famose sono i bagni Széchenyi, alle quali non sono andata perchè caldamente sconsigliata dalla guida (vedi punto 1 di questo post ). Nel mese di agosto, complice anche lo Sziget, Budapest è piena di gente, e quindi andare nelle terme più sponsorizzate in qualunque guida turistica (e online) significava andare in mezzo alla ressa di gente (concetto del tutto opposto al relax che un bagno termale dovrebbe regalare).

Sono andata alle Gellért, altrettanto famose, in stile liberty ma meno affollate delle Szécheny e alle Velj Bei che ho adorato ma, andiamo per ordine.

martedì 21 marzo 2017

Gli interminabili - Razionalizzazione dello shopping compulsivo nel make up

Da shopaholic compulsiva ho ormai messo la testa a posto da un pò di anni: cerco di acquistare l'indispensabile (ovvero ciò che finisco), concedendomi ogni tanto qualche extra (ultimamente il mio debole sono le tinte labbra e non riesco a resistere a provare una marca nuova di cui ho sentito parlare molto bene nel web).
Ad ogni modo, in quest'ottica dell'usare-usare-usare (e poco acquistare) mi sono resa conto di quali sono i prodotti di make up che è più difficile terminare e che, quindi, è meglio non accumulare ossessivamente perchè poi smaltirli diventa difficoltoso anche utilizzandoli giornalmente.

Ma iniziamo con quella che io reputo "La lista degli Interminabili":

BLUSH

Solitamente, le confezioni dei blush contengono così tanto prodotto che, faccio veramente fatica a finirne uno. Sto utilizzando da + di un anno un blush di una vecchia collezione PUPA e nonostante sia bello scavato, la fine è lontana.
Se penso a tutti i blush che ho da parte non so veramente quando riuscirò a terminarli tutti.

martedì 7 marzo 2017

Mira Sofia - Weekend Low Cost in Bulgaria

Era tanto tempo che volevo iniziare a scrivere di viaggi sul blog.
Negli ultimi anni ho avuto modo di viaggiare molto e, con la pratica, ho affinato le mie capacità di organizzazione low cost che, di questi tempi, è una buona condotta da seguire per cercare di non spendere troppo ma godersi tutto ciò che il mondo ha da offrire.
Infatti, se opportunatamente organizzati e con senso d'adattamento, si riesce a viaggiare all'estero spendendo meno di quanto si spenderebbe per un weekend in un B&B in Italia.

La prima città di cui vi voglio parlare e della quale sto diventando la massima esperta nei consigli di viaggio (sono già 4 le persone che mi vengono a chiedere consigli su questa meta) è SOFIA in Bulgaria.

Una meta solitamente poco presa in considerazione ma che in realtà riserva belle sorprese con una spesa minima io infatti ho volato e soggiornato a Sofia in coppia a 47 euro cadauno per un weekend (venerdì-sabato-domenica). Esatto, con 47 euro ho preso l'areo, ho dormito e sono ritornata in Italia.

IL VIAGGIO - ITALIA-BULGARIA
Sofia è una di quelle città che si trovano facilmente tra le destinazioni low cost di Ryan Air e Wizz Air. Approfittando di un periodo di scontistica su Wizz Air, ho preso un biglietto A/R a 30 euro per un weekend di gennaio 2017. Partenza nel primo pomeriggio e ritorno la domenica successiva all'ora di pranzo. Insomma, un weekend corto ma più che sufficiente per godersi la città.

Per quanto riguarda il trasporto dall'aeroporto al centro città ci sono molte opzioni.

  • I taxi sono economici per noi italiani in quanto la loro moneta vale circa 50 centesimi ma attenzione ai tassisti, non tutti sono onesti e potreste ritrovarvi a pagare cifre differenti per lo stesso tragitto. Se siete più di 2 vi consiglio il taxi (con tanto di tassametro ma, nel caso non lo trovaste e vi chiedessero più di 15 LEV lasciate perdere e cercate un altro taxi).

  • In coppia, una valida alternativa è lo stand "Choice Rent a Car" che troverete in aeroporto una volta atterrati. Ci sono dei mini-pulmini che vi porteranno fin sotto l'hotel a 3 euro a testa (circa 6 LEV). Il servizio è spartano e non parlano benissimo l'inglese, ma se avete un foglio di carta con l'indirizzo esatto dell'hotel basterà mostrare quello per farvi portare comodamente in hotel e risparmiare senza fare troppi trasbordi come accadrebbe con i mezzi pubblici. Questo servizio lo consiglio solo per l'andata perchè, per il ritorno, abbiamo provato a prenotare un appuntamento ma il loro pessimo inglese non gli ha consentito di rimettersi in contatto con noi e abbiamo perciò preso un comodo (e onesto) taxi (15 LEV).

giovedì 29 dicembre 2016

Make up - Best Of 2016

Era tantissimo tempo che non facevo un Best Of dell'anno. Ecco qui i prodotti che ho utilizzato in questo 2016 e che mi hanno convinto al 100% :)



Viso

Fondotinta - Vitalumière Aqua di CHANEL



L'unico difetto di questo fondotinta è il prezzo! 30 ml per 41 euro! Io l'ho preso sfruttando il mio buono di 30 euro per il mio compleanno da Sephora pagandolo solo 11 euro. Ad ogni modo è stato amore a prima stesura. Super leggero, idratante (caratteristica importantissima in questo periodo della mia vita in cui ho la pelle un pò secca), facile da stendere, fattore di protezione solare 15 e modulabile. Non avendo (per fortuna) molte imperfezione della pelle da camuffare, questo fondotinta si è rivelato perfetto per me.
Sconsigliato perciò a chi ha la pelle grassa e a chi vuole un effetto più coprente. Per tutte le altre, dategli una possibilità.